Torna a Blog
consigli ospitalità

Cinque buoni consigli a chi lavora nell’ospitalità

Il nostro vademecum per affrontare i prossimi mesi​

La situazione attuale

Come ben sapete interagendo ogni giorno con aziende di produzione, ristoratori e albergatori riusciamo ad avere un’immagine più o meno definita dello scenario economico e psicologico su cui poggia il settore Horeca.

Dati alla mano constatiamo che il trimestre di primavera appena trascorso ha un accento positivo: si è registrata una forte ripresa dei consumi fuori casa e anche l’affluenza turistica è in crescita. Basta affacciarci nei siti più importanti, passeggiare in una città d’arte, e la conferma di questi dati arriva limpida.
Sia chiaro, non abbiamo raggiunto i numeri di pre-pandemia, ma le proiezioni sono di gran lunga migliori di qualche mese addietro (seppur fortemente condizionabili, non lo dimentichiamo dalla guerra in Europa).

I nostri consigli

Ma non si può pensare di galleggiare. Un progetto solido deve funzionare sempre, anche quando le condizioni si fanno avverse.
Quali strade puoi percorrere se ti occupi di ristorazione e ospitalità?

Aggiornati

Lo ripetiamo dal primo lockdown (e chi ha adottato questo accorgimento ne ha davvero tratto benefici). Non è semplice, in un momento in cui si corre, con orari estenuanti, prenotazioni su prenotazioni da gestire, ritagliarsi del tempo per l’informazione e l’aggiornamento… ma è fondamentale!

Aggiornati su tutte le misure e le agevolazioni che sono in essere; il riconoscimento del credito d’imposta, i bonus per la formazione, le offerte dei distributori. Informati sulle nuove tecnologie che possono migliorare la gestione dell’attività (le novità sono all’ordine del giorno, dai gestionali alle strumentazioni di cucina e servizio).
Consulta siti specializzati e magazine seri, che comunicano informazioni vere.
Queste sono tutte opportunità non trascurabili per chi fa impresa e alla portata di mano.

Comunica

La comunicazione con il cliente effettivo o potenziale – e anche questo l’abbiamo constatato soprattutto dal 2020 – è cruciale per le attività di ristorazione e dell’hotellerie.
Non si può più pensare, per esempio, di far mera presenza sul web… bisogna essere pro attivi e coinvolgenti!
È indispensabile comunicare le novità: un nuovo menu, una piccola ristrutturazione, il nuovo asset del personale, le iniziative interne o le collaborazioni con altre insegne. Oggi la consultazione delle persone e la scelta del locale passa per il digitale, specie se si ha un’attività nuova, non affermata attraverso il passaparola.

È necessario altresì comunicare le scelte di acquisto e giustificare l’aumento dei prezzi nel listino: solo motivando queste decisioni si può fidelizzare il cliente e trasmettergli il valore del tuo lavoro.

È poi utile ringraziare, soprattutto i clienti che si sono avvalsi dei tuoi servizi di delivery, o semplicemente ti hanno supportato in questi ultimi due anni. Falli sentire indispensabili per la crescita del ristorante; falli sentire importanti quando vengono a trovarvi, ma con la semplicità dei gesti e della stima.

Ottimizza e riorganizza i costi

Oggi cosa vuol dire riorganizzare e ottimizzare?
Significa, per esempio, stabilire un nuovo rapporto con il personale. Si può risparmiare qualcosa su spese superflue (per esempio adottando un approccio sostenibile in tutte le dimensioni del ristorante riducendo gli sprechi, il monouso, l’utilizzo di plastica) e dare qualcosa in più ai dipendenti. Credi nelle persone e nel loro contributo per fare del tuo ristorante un luogo di armonia, di buon cibo, di trasparenza.

Cura la tua reputazione

Alcuni la chiamano brand reputation. È l’immagine che l’altro ha di noi. Oggi le persone che decidono di andare in un ristorante hanno mille opportunità e modi per sceglierlo, alcuni li abbiamo citati già in quest’articolo, il web e il passaparola. Ma c’è una forma di comunicazione altrettanto efficace: il non detto.

Comportati sempre nel migliore dei modi

Cerca di avere un personale motivato perché la prima cosa che si nota quando si entra in un locale è proprio quella: l’entusiasmo e la serenità di chi ci lavora. Tieni il tuo locale in ordine, pulito, sicuro, infondi sensazioni piacevoli al cliente, sempre.

Torna a Blog