Anche in questo periodo abbiamo avuto il piacere di stringere nuove relazioni di fornitura.
Percepire fiducia dai nuovi clienti e al contempo sentirla sempre solida da parte degli ‘storici’ ci spinge a migliorarci, ad arricchire l’assortimento, a implementare il nostro servizio, in un momento in cui tutto potrebbe sembrare congelato.

Da Milano a Clusone
Tra i nuovi arrivati c’è Isacco, un giovane ristoratore e cuoco che qualche anno fa ha deciso di tornare nella propria città di nascita per avviare un’attività di ristorazione a quattro mani. Le sue… e quelle di Armela, la sua compagna, anche lei professionista nella ristorazione.
Il ristorante (che non è propriamente un ristorante, come vedremo) si chiama Isacco Bistrot. Si trova a Clusone in Valle Seriana superiore, alla sinistra del fiume Serio, dove Isacco è nato e cresciuto prima di trasferirsi a Milano, e poi in Liguria, dove ha accumulato le prime fondanti esperienze in cucina. Nel capoluogo lombardo ha conosciuto Armela che qui, al bistrot, è responsabile di sala e delle cantine.
“Sono tornato a Clusone con Armela, otto anni fa. Ci siamo conosciuti in un locale in cui lavoravamo, lei in sala e io in cucina, e abbiamo deciso di coltivare un progetto assieme” ci racconta.
“Dopo i primi sei anni trascorsi in un locale del centro di Clusone abbiamo deciso di spostarci un po’ fuori. La nostra idea di cucina e servizio trae sicuramente spunti dalle precedenti esperienze. Milano offre molti spunti, in qualsiasi ambito. Apre la mente e solletica i bisogni latenti delle persone. Abbiamo così pensato ad un’insegna che non seguisse uno schema rigido: si può venire per l’aperitivo, la cena, un pranzo veloce, un caffè. Chi entra si sente libero di ordinare ciò che vuole, compreso per i propri bisogni in un posto dinamico e giovanile”.
L’agilità del format è associata ad una cifra culinaria fresca, giovane che punta ad esaltare gli ingredienti con un trattamento intelligente e creativo. Se andate a trovarli sarà difficile che troviate le stesse proposte: ogni mese c’è un cambio menu, ogni settimana un giorno dedicato ad un tema (per esempio i crudi di mare, il sushi, il ramen). Le estrosità non sono mai forzate, piacevoli all’occhio e ragionate negli abbinamenti. Oltre ai piatti di pesce, alla carne e agli hamburger, sono sempre presenti anche delle proposte senza glutine e per vegetariani.



Il rapporto con Bergel+
La sintonia con Isacco l’abbiamo trovata un po’ su tutto, ma in particolare in uno dei comparti che preferiamo: l’ittico.
Quando si tratta di elaborare nuovi piatti non segue binari prestabiliti, si fa ispirare dalle materie prime. E noi – a detta sua – gli diamo filo da torcere con le novità.
“È fondamentale per me ricevere dal fornitore proposte di pesce fresco giornaliere, che possano stimolare la mia creatività. Sto attingendo a piene mani dall’assortimento di Bergel, proprio per questo motivo: dai molluschi ai crostacei fino ai pesci di media o grande taglia. Sono molto attratto dalla cucina orientale e lì, come si sa, la freschezza è l’ingrediente primario. Questo è anche il mio primo criterio di scelta del prodotto. Vi faccio l’esempio dello scampo fresco: per me quello che acquisto da Bergel+ è formidabile, estremamente delicato, dolce, pulitissimo nel sapore. Cerco di valorizzarlo al meglio in cucina, anche proponendolo crudo, consapevole della qualità e della provenienza di questo prodotto”.
Da noi Isacco acquista anche tante altre referenze, come le carni e altri prodotti per le preparazioni di base. 

Un motivo, anzi più motivi, per fare bene, per fare sempre meglio, il nostro lavoro!

Isacco Bistrot
Via Cosimo Fanzago, 1/3, 24023
Clusone BG