Qualche giorno fa – in quest’articolo – vi abbiamo parlato de Il Birrificio di Seriate, un’insegna che serviamo da diversi anni e che ci ha sorpresi con una bella evoluzione.


Torniamo a parlavi di loro questa volta dedicandoci all’approfondimento di una bella e originale ricetta.

Tra le varie e interessanti opzioni del menu abbiamo deciso di soffermarci su un tema che meriterebbe maggiori approfondimenti su questo blog: i prodotti da forno.
Lo facciamo raccontandovi una delle preparazioni che più caratterizzano questo locale: la Scrocchiarella.

La Scrocchiarella è un marchio di fabbrica de Il Birrificio. Una di quelle voci del listino che, se andate a trovarli, proprio non potete farvi scappare.
Si tratta di un impasto ad alta idratazione realizzato con un procedimento lungo, preciso, collaudato da lo stesso Roberto, il titolare, che prevede, prima di ogni altra cosa, la preparazione del lievito madre.
L’acqua viene aggiunta lentamente, in modo graduale. Si procede prima con la lievitazione di un’ora, poi la pezzatura “in lingue”, quindi con un’ulteriore lievitazione di 7 ore.

Una volta pronto l’impasto viene precotto in forno e poi abbattuto, oppure utilizzato per il servizio.
Anche la cottura è diversa, visto che per la Scrocchiarella sono previsti tempi più lunghi di una pizza classica.
A seguire, si procede con la farcitura.
Potremmo chiamarla pizza, ma forse trarremo in inganno qualcuno: Scrocchiarella è un prodotto assolutamente unico, per fragranza, alveolatura e leggerezza.

 I nostri prodotti ittici  sono i protagonisti di una Scrocchiarella che valorizza il mare.
Roberto ha trovato i giusti equilibri unendo il tonno crudo, il gambero rosso, il pomodorino giallo, il fior di cappero e la zeste di limone, su un impasto Scrocchiarella al riso venere. Freschezza e mediterraneità in un unico, straordinario, prodotto!
 
Vuoi testare anche tu le nostre referenze e sorprenderci con una ricetta originale? 
Contattaci!