Hai detto cervo, hai detto selvatico…
Sbagliato!

La carne di cervo è particolare ma se ben gestita può conquistare tantissimi palati.
Da Trattoria Risol – bella insegna di cui vi abbiamo parlato qualche giorno fa in questo articolo – ci è giunta una ricetta INFALLIBILE del cervo in salmì.
Il cervo, naturalmente, proviene dalla nostra selezione di carni per la ristorazione!

Ingredienti

– cervo
– sedano, carote e cipolla bianca
– uno spicchio d’aglio
– odori: salvia e rosmarino
– pepe in grani
– cannella
– chiodi di garofano
– vino rosso
– grappa
prezzemolo

Procedimento

Prima di tutto marinate la carne con tutti gli ingredienti a freddo per tre giorni. La marinatura stempera il forte odore del cervo e aiuta a smorzare le fibre muscolari, quindi a intenerire il taglio.
Al termine dei tre giorni estraete il pezzo di cervo dalla marinatura, quindi mettetelo a rosolare in un tegame con poco olio e salatelo.
Quando la carne sarà rosolata da ambedue i lati unite le verdure, le spezie e rosolate per altri cinque minuti.
Sfumate il tutto con il vino rosso e procedete con la cottura.
Quando ritenete che il cervo sia cotto (i tempi di cottura variano a seconda delle dimensioni del pezzo) toglietelo dal fuoco. A parte prelevate le verdure e frullatele con il frullatore a immersione finché non risulterà omogeneo il composto, anche se alcuni lo preferiscono grossolano.
Unite la grappa e riponete di nuovo il composto con il cervo, quindi ultimate la cottura. A questo punto non vi resta che impattare con una generosa spolverata di prezzemolo!

Il cervo in salmì è un piatto estremamente saporito, da accompagnare a piacere con un vino rosso di struttura ma fresco e naturalmente della polenta fumante.